Simulazione Prestito BNL, Banca Nazionale del Lavoro, Preventivo, Esempio e Calcolo Rata



Storia della Banca Nazionale del Lavoro

La Banca Nazionale del Lavoro, meglio conosciuta con l’acronimo BNL, è uno degli istituti italiani più antichi, fondato nel 1913 mediante Regio Decreto con il nome d’Istituto Nazionale di Credito per la Cooperazione al fine di concedere i finanziamenti e agevolazioni creditizie anche alle organizzazioni dei lavoratori, similarmente a ciò che accadeva nel rapporto banca-impresa tradizionale.

Questo istituto fu il primo a erogare forme di credito al consumo appannaggio dei settori agricolo, cinematografico e della pesca, nell’ambito di trasformazione dell’economia italiana da rurale a industriale, in seguito alla seconda rivoluzione industriale degli anni precedenti che stava caratterizzando l’intero globo.  Inizialmente l’istituto aveva una fortissima partecipazione statale, come accadeva sovente all’epoca ed era stato creato anche grazie all’intervento fondamentale del Monte dei Paschi di Siena, antichissima banca presente in Italia e operante su tutto il territorio. Naturalmente valeva il classico concetto latino del nomen omen, perché i finanziamenti riguardavano prevalentemente le cooperative agricole, produttive e quelle di consumo.

Dopo un periodo in cui si rischiò la bancarotta, subendo le turbolenze derivanti dal periodo fascista, un personaggio storico fu incaricato di risollevare l’istituto: il direttore Arturo Osio, proveniente dal sindacalismo cattolico, dal 1925 al 1942 in pieno conflitto bellico riuscì a imporre l’organizzazione come una delle maggiori realtà nel panorama bancario italiano, legandosi ai sindacati fascisti.

Nel 1927, infatti, la banca cambiò denominazione, divenendo Banca Nazionale del Lavoro e della Cooperazione fino ad assumere la dicitura attuale BNL nel 1929, dove divenne definitivamente un istituto di credito di diritto pubblico con le partecipazioni del Tesoro, della Banca d’Italia e delle Casse Previdenziali: in tale ottica, BNL era divenuta la Banca dello Stato.

Osio diede grande impulso alla cinematografia italiana, poiché le pellicole d’oltreoceano erano bloccate dal regime fascista e incentivò l’estrazione del famosissimo marmo di Carrara, tra le altre cose: la Banca, essendo correlata direttamente allo Stato e quindi degna di fiducia estrema, diventò il primo istituto per depositi. Dopo la fine del periodo d’amministrazione di Osio, si succedettero alcune figure in un periodo piuttosto breve, anche a causa della conclusione del secondo conflitto bellico, fino a giungere all’Ingegner Imbriani Longo che concesse finanziamenti importanti alla FIAT, al Meridione con la Cassa del Mezzogiorno e finanziò il progetto ambizioso e illuminato di Enrico Mattei per la fondazione dell’ENI, impresa italiana operante nel mercato energetico tutt’oggi motivo d’orgoglio e d’eccellenza.

La Banca crebbe sempre di più, aprendo filiali anche all’estero e fronteggiando situazioni di crisi anche difficile: alcuni soggetti famosi del panorama politico passarono per questo istituto, ad esempio Romano Prodi, ex Premier che fu nominato direttore di Nomisma, un’azienda partecipata da BNL che aveva il compito di redigere studi e ricerche sull’economia reale e che fu al centro di un’accesa polemica per molti finanziamenti statali e consulenze infruttuose. Negli anni 80, la filiale BNL di Atlanta in America, prestò all’Iraq 2 miliardi di dollari per decisione del direttore Christopher Drogoul, violando la legge statunitense e non chiedendo il permesso alla sede centrale: visto anche il clima che avrebbe condotto alla Guerra del Golfo per ben due volte, con azioni dei presidenti Bush Senior e Junior, la cosa suscitò un certo sdegno.

Negli anni 90 un altro scandalo colpì la BNL, che aveva, insieme a altri istituti bancari e Banco di Roma, creato Agrifactoring, una società specializzata nell’erogare credito mediante particolari contratti di factoring: purtroppo i vari prestiti erogati a Federconsorzi non furono restituiti e le banche estere pretesero dall’istituto italiano la restituzione delle varie operazioni finanziarie in essere. BNL cercò di determinare la sua responsabilità alla sola quota sottoscritta del capitale sociale, ma lo Stato Italiano intervenne per cercare di arginare uno strappo con le banche estere da quella che era la “sua” banca, postergando gli istituti per consentire un recupero totale dei crediti vantati.

Dopo questa esperienza, la ragione sociale di BNL cambiò e fu privatizzata nel 1992, oltre che quotato nel 1998 a Piazza Affari.

Nel 2005, la banca spagnola Banco de Bilbao lancia un’OPA (Offerta Pubblica d’Acquisto) per ottenere il controllo di BNL, ma questa fallisce e gli spagnoli accusano d’ostruzionismo i maggiori dirigenti del panorama politico italiano, compreso il governatore di Banca d’Italia.

E’ il 2006 l’anno della svolta per la Banca Nazionale del Lavoro: quando Unipol, detentrice di una quota azionaria, vende al gruppo francese BNP Paribas il 48%. I francesi, allora, lanciano correttamente un’OPA con la strategia di aprire a un nuovo grande mercato retail, quello italiano. L’offerta va a buon fine e la situazione attuale è figlia di quest’ultima grandissima operazione.

BNP Paribas prosegue nella sua espansione acquisendo anche la banca belga Fortis e nel 2010 l’istituto di credito al consumo Findomestic, oltre a permettere alla BNL di entrare nel capitale di PerMicro, società leader nel microcredito italiano.

BNL BNP Paribas rappresenta ormai una realtà molto importante, operante in modo trasversale, efficace ed efficiente in tutto il territorio europeo e non solo in quello italiano.

 

Finanziamenti BNL

Qualunque sia il nostro progetto, il nostro sogno ovvero la volontà di agire e le azioni da porre in essere, BNL dispone prestiti personali per la realizzazione di qualsivoglia progetto e disegnate dall’istituto bancario italiano a favore dei cittadini e della nazione, grazie alle peculiarità della società.

Il prestito BNL è disponibile in poco tempo ed è disegnato su misura, personalizzato secondo le caratteristiche e i requisiti richiesti dal cliente stesso, con consulenti competenti che seguono tutto l’iter, sia prima, sia durante, sia dopo la sottoscrizione del contratto di finanziamento.

Quando analizziamo e compariamo i diversi prestiti BNL, dobbiamo necessariamente valutare degli aspetti fondamentali innanzitutto, derivanti da questi parametri cui tenere conto:

  • TAN. E’ il Tasso Annuo Nominale e corrisponde al tasso d’interesse sul finanziamento.
  • TAEG. E’ il Tasso Annuo Effettivo Globale, comprensivo del TAN e comprendente anche tutti i costi e le spese accessorie del prestito. E’ l’indice di riferimento quando si comparano i diversi strumenti finanziari poiché la percentuale indicata deriva dal costo totale del prestito.
  • Durata. Quando chiediamo una somma di denaro, dobbiamo sapere quali siano i tempi minimi e massimi entro i quali restituirlo e la nostra scelta inciderà direttamente sulla rata.

BNL mette a disposizione dei propri clienti numerosi strumenti disponibili per chi cerca una soluzione di prestito, in ottemperanza alla cultura bancaria e alla storia stessa, così legata al territorio italiano e piena di successi a fianco delle maggiori realtà imprenditoriali del Bel Paese.

Tra la gamma di prodotti erogati da BNL al mercato del credito al consumo, in particolar modo quello dei prestiti, abbiamo questi elementi:

  • Prestiti Personali. Sono finanziamenti non finalizzati a un determinato acquisto o progetto; gli importi richiedibili possono essere spesi per qualsivoglia necessità, dall’acquisto dell’auto e della moto, fino alle spese mediche necessarie per salvaguardare la salute personale o di un proprio affetto. Il denaro, una volta andata a buon fine la richiesta, è erogato direttamente sul conto corrente di chi lo richiede. BNL offre tre differenti soluzioni:
    • Prestiti per i Dipendenti Pubblici.
    • Prestiti in Agenzia.
    • Cessione del Quinto per Dipendenti e Pensionati.
  • Prestiti Per la Casa. Se sentiamo il bisogno di rinnovare o ristrutturare la nostra casa e magari vogliamo approfittare degli incentivi statali a disposizione di chi vuole ammodernare la propria casa e ridurre i costi spalmandoli nel tempo e approfittando degli sgravi fiscali previsti dalla Legge Finanziaria 2019, allora questa soluzione è quella che fa al caso nostro. Possiamo utilizzare il prestito per aumentare l’efficienza energetica dell’immobile, per esempio installando pannelli solari o una nuova caldaia (quest’attività è assimilabile dalla legge italiana come ristrutturazione straordinaria e dà la possibilità poi di beneficiare anche del “bonus mobili”). BNL propone una soluzione appositamente destinata a questo tipo di progetti, incentivando la tutela dell’ambiente e il tema sensibile del cosiddetto “green” e dell’economia eco-sostenibile.
  • Altri Prestiti. Se, invece, la nostra esigenza è inerente la realizzazione di un progetto a lungo respiro, affinché la banca affianchi e sostenga tutte le spese necessarie, allora Banca Nazionale del Lavoro ha predisposto dei finanziamenti dedicati proprio a favore di chi vuole continuare i suoi studi o ha bisogno di ulteriore formazione professionale per realizzare i propri sogni, investendo praticamente su sé stesso e sul tempo, ovvero sulla famiglia. Le soluzioni proposte riguardano:
    • Prestiti per Giovani Studenti.
    • Prestito per l’Adozione.
    • Prestiti per lo Sport.

I prestiti personali, come detto, sono quei particolari finanziamenti che non hanno bisogno di alcun documento di spesa comprovante e non sono finalizzati a nessun tipo particolare di esigenza: BNL eroga il denaro direttamente in conto corrente al richiedente senza richiedere la destinazione d’uso di questa liquidità.

 

Prestiti per Dipendenti Pubblici

La prima soluzione proposta è il Prestito per Dipendenti Pubblici, un finanziamento costruito proprio per venire incontro alle esigenze di chi lavora in un ente o un organo amministrativo direttamente alle dipendenze dello Stato Italiano, oppure è già pensionato.

Questo prestito particolare è sostenibile, rinnovabile e flessibile.

L’importo massimo richiedibile se si rientra in queste particolari categorie di persone arriva fino a 100.000€, partendo da un minimo di 5.000€, restituibili a condizioni estremamente vantaggiose fino a 120 mesi, ossia in dieci anni. Al piano di ammortamento del prestito è applicato un tasso d’interesse fisso e sono previste particolari agevolazioni per rispondere in maniera pronta a imprevisti o esigenze impellenti del richiedente; il piano è assolutamente flessibile e determinato per essere il più possibile vicino al budget disponibile del dipendente pubblico, ovvero del pensionato.

Le opzioni possibili durante il rimborso rateale del prestito sono:

  • Reload. Dopo il pagamento delle prime sei rate, il cliente potrà chiedere la possibilità alla Banca BNL di ulteriore liquidità e credito in modo semplice, veloce e senza tutto l’iter burocratico che spesso ostacola e riduce le richieste in tal senso.
  • Flexi. Dopo aver correttamente rimborsato le prime 12 rate, il cliente, previo pagamento di una commissione relativa pari a 30€ per ogni periodo sospensivo, indipendentemente dal numero di rate coinvolte nella richiesta e previa accettazione da parte della Banca, può saltare e rinviare il pagamento di una o più mensilità, posticipandole alla fine del piano.

Le durate previste per il rimborso di prestiti inferiori a 10.000€ vanno da un minimo di 6 mesi a un massimo di 60, viceversa per importi superiori alla cifra indicata possono arrivare fino a 120 mensilità.

Il tasso fisso d’interesse (TAN) applicato si distingue, secondo la durata del piano di ammortamento, secondo questo schema:

  • Fino a 60 mesi: 6,75%.
  • Da 61 a 120 mesi: 7,75%.

Oltre la quota interessi, il richiedente dovrà corrispondere le Commissioni d’istruttoria pari allo 0,30% dell’importo richiesto per ogni anno, fino al massimo di 399€, oltre eventualmente le commissioni d’incasso pari a 1€ se non si sceglie l’addebito diretto sul conto corrente e il pagamento di 1€ per le singole comunicazioni periodiche obbligatorie per legge, a meno che non si scelga l’invio telematico della documentazione.

 

Simulazione

Un esempio chiarirà al lettore la bontà di questo tipo di prestito per i dipendenti pubblici e i pensionati, pensando a un prestito di 10.000€ e alle possibili varianti:

Tasso d’interesse Durata del prestito in anni Importo della rata
6,75% 3 307,63€
6,75% 5 196,83€
7,75% 10 120,01€

 

Il Prestito Personale di riferimento di BNL è quello a tasso fisso denominato BNL In Novo, derivante dal verbo innovare alla forma indicativa presente e al gioco di parole con il concetto di novità, proprio a caratterizzarne le peculiarità innovative e moderne dello strumento finanziario erogato dalla Banca.

Questo particolare finanziamento è sostenibile, con una rata disegnata su misura, rinnovabile e flessibile.

BNL In Novo garantisce convenienza e semplicità, consentendo la realizzazione di qualsivoglia progetto di spesa per sé e per la propria famiglia, grazie a pochi elementi ,ma fondamentali e caratteristici di un buon prestito:

  • Vantaggi derivanti dall’applicazione di un tasso fisso.
  • Rapidità e semplicità dell’istruttoria, semplificando l’iter burocratico con pochi documenti necessari, tempi di risposta rapidi e possibilità di essere affiancati in tutta l’operazione da personale qualificato e competente nel suggerire l’ottimale abito da cucire per le nostre richieste.
  • Rata sostenibile in base al reddito corrente e al budget della persona, focalizzandosi sulla necessità di redigere un piano di rimborso a prova d’imprevisto per fidelizzare il cliente.

 

Prestito a Tasso Fisso BNL In Novo

BNL In Novo possiede anche alcune opzioni  che rendono ancor più flessibile il piano di rimborso e garantiscono al cliente una facilità d’utilizzo e la possibilità di gestione dell’ammortamento sottoscritto nel contratto di finanziamento. Le possibilità sono:

  • Reload. Dopo aver corrisposto correttamente sei mensilità, si potrà chiedere altra liquidità in modo ancora più semplice, dato che la nostra posizione finanziaria e il merito creditizio che ci appartiene è già stato valutato.
  • Flexi. Dopo aver pagato le prime 12 rate, si potranno rinviare uno o più pagamenti posticipandoli, previa accettazione da parte di BNL e pagamento di 30€ per ogni periodo di sospensione, a prescindere dal numero di rate che si vuole posticipare.

Nel caso di questo particolare prestito, gli importi disponibili e le durate del piano di estinzione sono diversi secondo il canale utilizzato per richiederlo. Se procediamo totalmente on line nella richiesta, allora l’importo minimo erogabile sarà 3.000€ e quello massimo 30.000€, mentre se ci rechiamo in agenzia, i valori passeranno da  5.000€ ad addirittura 100.000€.

Il tasso d’interesse (TAN) applicato per il prestito In Novo BNL è fissato a 8,75% con le commissioni d’istruttoria pari allo 0,50% dell’importo richiesto per anno e gli stessi costi indicati precedentemente previsti per le comunicazioni obbligatorie per legge (a meno che non si scelga il formato elettronico) e gli eventuali pagamenti (pari a 1€).

 

Simulazione

Se ripensiamo allo stesso importo di 10.000€, stavolta erogato a fronte della richiesta di prestito In Novo, avremo questa situazione:



Tasso d’interesse Durata del prestito in anni Importo della rata
8,75% 3 316,84€
8,75% 5 206,37€
8,75% 10 125,33€

Se, ad esempio, un ipotetico cliente di BNL richiede questo tipo di finanziamento pari a 15.000€ con durata del piano di rimborso pari a 84 mesi e il TAN dell’8,75%, rimborsando le rate direttamente sul C/C della stessa banca di cui è titolare e scegliendo l’invio delle comunicazioni obbligatorie in formato elettronico, si otterrà il seguente TAEG, comprensivo del TAN, delle commissioni d’istruttoria e l’imposta sostitutiva:  10,43%.

Scegliendo anche la polizza assicurativa facoltativa di BNL sui Prestiti Personali, il TAEG raggiungerebbe la percentuale del 12,42%, ottenendo questi due possibili scenari:

  • Se il prestito non è assicurato, l’importo finanziato totale di 15,584,42€ (comprensivo d’imposta sostitutiva e commissione d’istruttoria) e la durata è indicativamente 84 mesi, la rata mensile sarebbe 248,77€.
  • Se abbiamo scelto di sottoscrivere la polizza a tutela del credito, allora l’importo finanziato arriva a 16.475,92€, aggiungendo i premi da pagare per la polizza. Con la stessa durata prevista di 84 mesila rata diventa 263€.

 

Prestito per la Casa BNL Green

La Banca Nazionale del Lavoro, legata da sempre alla vita quotidiana del popolo italiano, prima nell’erogazione del credito alle cooperative, ha predisposto una particolare forma di finanziamento destinato a finanziare l’ammodernamento delle case in cui viviamo, focalizzandosi sull’efficientamento energetico: grazie al prestito BNL Green potremo installare le nuove tecnologie rispettose dell’ambiente e dei consumi (ad esempio i pannelli solari ovvero le caldaie di nuova generazione) o comunque sostituire gli infissi e adire altre azioni sempre finalizzate allo stesso scopo o finanche acquistare le auto di nuova tecnologia, spinte da un propulsore ibrido ovvero elettrico.

Oltre la convenienza e la semplicità di poter finalmente ristrutturare l’abitazione, la casa dentro cui viviamo, un bene legato a doppio filo alla cultura italiana del risparmio, rappresentativo della ricchezza del nostro paese, cui vanno dirette tutte le azioni possibili per la sua tutela e salvaguardia, lo Stato Italiano consente di beneficiare delle agevolazioni fiscali previste per l’efficientamento energetico.

La soluzione consente di ottenere un importo tra un minimo di 5.000€ e un massimo di 100.000€ e di restituire la somma a un tasso fisso, determinato in fase di stipula del contratto, ideato a favore di chi cerca la sicurezza di una rata fissa e costante per tutta la durata del finanziamento e vuole programmare il proprio budget, considerando l’esborso previsto.

La durata del prestito va da un minimo di 6 mesi a un massimo di 60 per importi inferiori a 10.000€, mentre arriva a 120 mesi se la cifra è superiore.

Il Tasso Annuo Nominale applicato alla restituzione del prestito che, come ricordiamo, può essere utilizzato per acquistare un’auto elettrica/ibrida, ovvero essere utilizzato per interventi di efficientamento energetico, è pari al 6,50% su base annua.

La commissione d’istruttoria per il Prestito BNL Green è gratuita e pari a 0€.

 

Simulazione

Se descriviamo un calcolo esemplificativo della rata per un prestito green di 20.000€, potremo avremo questa situazione:

Tasso d’interesse Durata del prestito in anni Importo della rata per un finanziamento di 20.000€
6,50% 5 391,32€
6,50% 8 267,72€
650% 10 227,10€

Grazie alla commissione pari a 0€, il TAEG di riferimento per questo particolare prestito BNL non si discosta di molto dal TAN. Se, ad esempio un ipotetico soggetto richiede un importo di 20.000€ e decide di restituirlo in 96 comode rate al TAN 6,50%, rimborsando le stesse con addebito diretto su C/C BNL ed utilizzando l’invio in formato elettronico delle comunicazioni periodiche che è gratuito, allora avremo queste due possibili situazioni:

  • Se il prestito non è assicurato l’importo erogato, pari a 19.950€ (meno l’imposta sostitutiva pari allo 0,25% dell’importo finanziato, 20.000*0,25%=50€) sarà rimborsato a con rata di 267,72€ per 96 mesi e un TAEG 6,77%.
  • Se il titolare, viceversa, ha deciso di sottoscrivere e stipulare la Polizza BNL sui Prestiti Personali, a fronte di un importo erogato pari sempre a 19.950€, quello finanziato diventerà 20.842,66€ (comprensivo dei premi assicurativi) e la rata diventerà 279,00€ a cifra tonda, con un TAEG pari a 8,59%.

 

Prestiti per Giovani Studenti

BNL ha predisposto una gamma di strumenti finanziari finalizzati ad affiancare il percorso di studi per chi è ancora giovane e vuole investire su se stesso, a prescindere dal tipo, sia esso un iter universitario, in altre parole un master.

Attraverso la creazione di tre diverse soluzioni predisposte in base alle caratteristiche del tipo di strumento desiderato, uno studente potrà scegliere tra:

  • Prestito BNL Scuola Più.
  • Prestito BNL Futuriamo.
  • Prestito BNL Sconto&Lode.

Analizziamoli singolarmente nel dettaglio per verificare la corrispondenza ai propri bisogni.

 

Prestito BNL Scuola Più

E’ il prestito possibile per gli studenti universitari e i genitori di figli che frequentano sia questo tipo di scuola, sia quelle superiori, per consentire l’acquisto dei libri, indispensabili allo studio: grazie al finanziamento erogato dalla Banca Nazionale del Lavoro, riusciremo a proseguire il percorso con tranquillità e senza dover pensare alle varie problematiche economiche che possono distrarre dall’obiettivo.

Questa particolare soluzione è finalizzata a:

  • Acquisto dei libri di testo.
  • Costi per la frequentazione di corsi, ad esempio lezioni di musica o apprendimento di lingue straniere.
  • Sostenere le spese per viaggi e vacanze studio all’estero.

Tutti investimenti che consentono di abbracciare a 360° l’istruzione dei figli, proiettando le loro prospettive su un futuro più roseo e migliore.

Grazie a questo strumento, potremo richiedere da un minimo di 500€ a un massimo di 3.000€, pagando 0€ come spese d’istruttoria e rimborsando da 6 a  12 mesi il prestito mediante rate e tasso costanti, al TAN di 3,90% e TAEG 3,97%.

 

Simulazione

A titolo esemplificativo potremo avere questa situazione di rimborso, per un prestito BNL Scuola Più nel 2019, a fronte di una richiesta di 1.000€ e una durata massima di 12 mesi:

  • TAN 3,90%.
  • TAEG 3,97%
  • Rata 85,10€.
  • Spese d’Istruttoria 0€.
  • Imposta Sostitutiva 0€.
  • Interessi 21,20€
  • Spese incasso rata 0€ nel caso di addebito diretto su C/C BNL
  • Spese d’invio comunicazioni periodiche pari a 0€ nel caso la scelta si faccia sull’invio in formato elettronico.
  • Importo totale dovuto 1.021,20€.

 

Prestito BNL Futuriamo

L’altra soluzione sempre disponibile per gli studenti che vogliano finanziare un percorso universitario o accedere al master desiderato per aumentare le proprie competente e conoscenze, si chiama Prestito BNL Futuriamo, un nome molto esplicativo.

Per ottenere questo prestito a tasso fisso, dovremo necessariamente presentare una fidejussione di terzi o altre garanzie che BNL riterrà idonee all’accesso al credito: questo poiché l’importo massimo possibile, in questo caso, arriva anche a 20.000€ ed è rimborsabile in 120 mesi, dieci anni, con un periodo di preammortamento dai 12 ai 36 mesi.

Durante questo preammortamento previsto dal contratto stipulato tra le parti, sarà cura del finanziato scegliere tra due diverse modalità:

  • Rimborsare le rate dalla fine di questo periodo, iniziando in un momento successivo il pagamento iniziale e non pagando nulla durante questo lasso di tempo.
  • Rimborsare solo le quote interessi in piccole rate, posticipando l’estinzione del capitale alla fine di questo periodo transitorio.

 

Prestito BNL Sconto&Lode

L’ultima soluzione a disposizione per gli studenti, si chiama BNL Sconto&Lode ed è un prestito per importi fino a 20.000€ e durata di rimborso massima possibile 120 mesi. Anche per questo strumento saranno necessari una fidejussione di terzi o altre garanzie personali o reali.

La differenza con lo strumento precedente consta nel fatto che il tasso d’interesse applicato varia in base alla media universitaria, ossia ai risultati scolastici ottenuti: maggiore sarà il nostro rendimento scolastico, minore sarà il tasso d’interesse applicato annualmente all’importo ottenuto, secondo una griglia prestabilita da BNL e in base alle clausole e ai vincoli contrattuali inseriti al momento della stipula.

Un bellissimo strumento legato alla meritocrazia.

 

Prestito BNL Adottami

Grazie al prestito BNL Adottami, la Banca ha studiato, in collaborazione con le associazioni che si occupano delle adozioni, un finanziamento per consentire alle famiglie che vogliano intraprendere questo difficile percorso, di adottare un bambino, anche a livello internazionale. Grazie al prestito disposto da BNL a tasso fisso, tutte le spese e i costi economici, non saranno più un ostacolo insormontabile al coronamento di questo sogno, comprese l’assenza di spese d’istruttoria. Il processo d’accesso a questo particolare prestito è molto facilitato e semplificato, proprio a causa della finalità e della tematica molto sensibile. Oltre a questo, BNL offre una polizza assicurativa che corrisponda gli importi rateali in nostra vece, in caso d’imprevisti e malattia.

 

Prestito W Lo Sport

Il Prestito W Lo Sport è un finanziamento finalizzato alla forma fisica e al benessere generale dell’individuo: potremo finanziare l’iscrizione in palestra, acquistare attrezzature specializzate sportive o frequentare un qualunque corso attinente allo sport, sfruttando un tasso d’interesse promozionale e una rata personalizzata.

Grazie a questo strumento, potremo chiedere da un minimo di 500€ a un massimo di 3.000€ per queste finalità, al tasso d’interesse TAEG del 3,97%, restituendoli da un minimo di 6 a un massimo di 12 mesi, un vero affare.

 

Simulazione

A titolo d’esempio, riportiamo i parametri nel caso di una richiesta contestuale di 1.000€ in 12 mesi:

  • TAN 3,90%.
  • TAEG 3,97%.
  • Importo Rata Mensile 85,10€.
  • Costo del credito 21,30€ (spese istruttoria 0€ + imposta sostitutiva 0€ + interessi 21,30€).
  • Importo totale 1.021,30€.

Polizze Assicurative del Prestito BNL

BNL mette a disposizione per i prestiti personali descritti, alcune polizze assicurative erogate grazie ad accordi di partnership con alcuni enti assicurativi operanti nel settore. Le soluzioni sono state scelte per rispondere alle esigenze e alle necessità delle persone tipiche che si rivolgono ai prestiti, finalizzate alla salvaguardia dei due soggetti contraenti nel finanziamento, il cliente e la banca erogante.

Le formule previste sono:

  • Polizza BNL Prestiti Personali, erogata al cliente da BNL come intermediario, grazie alla Rappresentanza Generale per l’Italia di Cardiff Assurance Vie con la copertura nei casi di:
    • Decesso.
    • Invalidità Permanente.
    • Inabilità Temporanea Totale.
  • Polizza BNL Prestiti Personali Premium, stipulata sempre grazie alla partnership con Cardiff Assurance Vie e Cardiff Assurances Risques Divers, a copertura dei casi di:
    • Decesso.
    • Invalidità Permanente.
    • Perdita d’Impiego.

Le polizze possono essere facoltativamente sottoscritte dal finanziato e non è indispensabile farlo per ottenere il prestito stesso: è fatta salva la possibilità per il cliente di scegliere anche un’altra polizza, liberamente disponibile sul mercato.

I costi dei contratti sono direttamente correlati alla durata del prestito e al tipo di soluzione sottoscritta:

Tipologia Durata Costo in percentuale annua sull’importo finanziato
Polizza BNL Prestiti Personali < Minore o pari a 60 mesi 1,08%
Polizza BNL Prestiti Personali > Maggiore di 60 mesi 0,60%
Polizza BNL Prestiti Personali Premium < Minore o pari a 60 mesi 1,308%
Polizza BNL Prestiti Personali Premium > Maggiore di 60 mesi 0,744%

 

Contatti

Al fine di richiedere un prestito personale BNL, ovvero avvalersi della Cessione del Quinto se siamo un dipendente pubblico, statale o appartenente alle forze dell’ordine, oppure un pensionato, possiamo utilizzare i canali messi a disposizione da BNL Gruppo BNP Paribas per i propri clienti, anche on line.

Aprendo un qualunque browser web, anche da device mobile, possiamo raggiungere la Home Page di Bnl all’indirizzo www.bnl.it, ovvero direttamente la sezione sui prestiti disponibili per le famiglie e gli individui all’url https://bnl.it/it/Individui-e-Famiglie/Prestiti# . Una volta giunti in questa pagina, basterà cliccare sul bottone al centro dell’immagine “Prendi un appuntamento”, ovvero l’icona della posizione in alto a destra denominata “Dove siamo” e si aprirà una pagina con vari menù a tendina.

Selezionando la Regione, la Provincia, il Comune e l’indirizzo dove ci  troviamo, oppure consentendo all’accesso della posizione se utilizziamo un dispositivo con modulo GPS di localizzazione, allora ci sarà presentata la filiale più vicina, con la possibilità di prenotare un appuntamento in cui dove parlare con un competente addetto che ci accompagnerà lungo il percorso per l’accesso al credito, consigliandoci anche lo strumento migliore in base alle nostre esigenze.

Accedendo alla pagina sulla “Consulenza”, dagli strumenti descrittivi della Cessione del Quinto, mediante pulsante in mezzo alla pagina riportante “Chiedi un preventivo”, accederemo a una pagina, dove è presente un form da compilare in vari campi al fine di ottenere un budget di spesa in base alle nostre richieste. La pagina in questione si trova all’url https://www.bnlfinance.it/consulenza.aspx.

Una volta giunti in questa, basterà compilare i vari campi, avendo attenzione a farlo correttamente, indicare durata e importo del prestito desiderato, autorizzare BNL a ricontattarci ai recapiti indicati e confermare l’invio, una volta messa la spunta al reCAPTCHA per determinare la nostra estraneità ai BOT.

Nella stessa pagina in alto a destra è possibile indicare il nostro indirizzo o il CAP (Codice di Avviamento Postale) e avremo indicata la sede più vicina.

In ultima istanza, è possibile contattare il call center di BNL, chiamando il numero verde 800 92 93 99, durante gli orari d’ufficio e richiedere la possibilità di essere ricontattato da personale specializzato, ovvero usufruire di un appuntamento in agenzia.