Finanziamento Auto Usata: Incentivi, Prestiti Compass, Agos, Findomestic e Poste Italiane

Il Mercato delle Auto Usate in Italia

In Italia è molto importante il trend legato al mercato cosiddetto secondario dell’auto, quello nel quale avvengono le compravendite di veicoli già immatricolati precedentemente, l’usato definito molto spesso sicuro e soprattutto conveniente.  Sicuro perché sempre più garantito da assicurazioni limitate nel tempo da parte delle concessionarie o comunque passibile di garanzia personale da parte del privato che ci garantisce verbalmente l’auto, conveniente perché può essere oggetto di negoziazione il suo prezzo e si possono applicare criteri discriminanti (estetici, funzionali o comunque anche previsionali, pensiamo alla cinghia di distribuzione da cambiare etc.) nel far scendere il costo.

Il mercato delle auto usate in Italia raggiunge numeri molto interessanti, anche superiori a quelle delle macchine nuove; questo per vari motivi, tra i quali la crisi economica e aspetti socio-culturali che hanno sempre premiato le compravendite di auto di seconda mano.  Il bollettino mensile Auto Trend, emesso dall’Automobile Club Italia (ACI), descrive i fenomeni di vendita delle auto differenziandoli in termini assoluti, percentuali, stimando i passaggi di proprietà (al netto delle cosiddette minivolture) e le nuove immatricolazioni.

Molto spesso le persone che hanno acquistato auto usate nel mese specifico hanno addirittura doppiato quelle che si sono rivolte ai concessionari al fine di acquisire la proprietà di un veicolo nuovo fiammante e moderno; uno sguardo al mese di ottobre nel 2018 e di gennaio 2019 può sostanziare questo concetto, definendo la grandezza e il giro d’affari connesso al mercato delle automobili usate.

In questo momento le auto usate in vendita da privati sono più di 263.000(il 45% di auto disponibili all’acquisto direttamente on line sui portali web più conosciuti sono di privati) con circa il 19% in possesso di un cambio automatico, sempre più ricercato dalla clientela; i modelli d’auto disponibili sono 907, con una massiccia presenza di auto FIAT in questo particolare segmento e ogni concessionario ha in media 42 veicoli di seconda mano pronti all’acquisto.

Quali sono i clienti tipo per questa particolare categoria merceologica? Spesso i genitori acquistano un’auto usata per i propri figli, neopatentati, per agevolare la transizione pratica dovuta alle prime guide, ma anche molte altre persone usufruiscono di questo particolare mercato per cambiare la propria vettura, sulla base della convenienza economica e alle abitudini d’acquisto.

Nonostante l’economicità di questo tipo di prodotto, sarà comunque necessario sostenere un esborso non indifferente, soprattutto se il modello desiderato sarà moderno e non vetusto; in quest’ottica bisognerà analizzare il bilancio familiare e personale, cercando di non gravare troppo sul budget con un’emissione unica di liquidità.  Per venire incontro a queste famiglie o questi individui, esiste la possibilità d’accedere a finanziamenti al fine di ammortizzare la spesa, dilazionando l’estinzione in più rate; nel 2019 sono molte le opportunità fruibili sul mercato del credito al consumo o quello dei prestiti cosiddetti personali che possono venire incontro al guidatore desideroso di comprare un’auto usata più moderna e funzionante. Nei prossimi capitoli analizzeremo le soluzioni presenti,  anche senza busta paga, soffermandoci sui requisiti necessari all’ottenimento del credito, focalizzandoci sulla presenza di finanziamenti agevolati o a tasso zero.

 

Incentivi

I finanziamenti cosiddetti finalizzati sono quei prodotti finanziari messi a disposizione dagli istituti di credito o dalle banche convenzionate con le concessionarie che vendono le automobili, al fine di agevolare l’acquisto del parco macchine messo in vendita, siano esse nuove ovvero usate. Molto spesso i più prestigiosi marchi automobilistici mettono a disposizione dei prestiti e delle soluzioni di leasing erogate attraverso società appartenenti al gruppo stesso, strutturando un’offerta  completa e soddisfacente.

Il cliente potrà avvalersi di questi strumenti per acquistare l’auto desiderata, predisponendo piani di rientro ad hoc, in base alle esigenze, alle caratteristiche personali e alle risorse economiche in dotazione; ovviamente le case automobilistiche promuoveranno e promuovono principalmente la vendita delle più moderne auto nuove, da immatricolare e immettere sulle strade. Il mercato dell’usato non incentiva la produzione e la costruzione nelle diverse fabbriche sparse sul globo, disincentivando sia il turn-over, sia la modernizzazione dei propulsori, delle funzionalità e, infine, del design.  Nonostante questo, la sempre maggiore richiesta di auto di seconda mano non poteva essere trascurata e le case automobilistiche hanno pensato di strutturare un’infrastruttura specifica, sia funzionale, sia comunicativa; le auto vendute, di solito appartengono a quelle rottamate o comunque utilizzate in base a soluzioni di leasing, noleggio a breve e lungo o termine o la nuova prerogativa legata alla misura dell’auto da guidare con tre opzioni alla fine del contratto: l’acquisto, la restituzione e il cambio.

I marchi hanno quindi pensato di rilasciare garanzie specifiche per i modelli usati a copertura annuale e di certificare i km percorsi, nonché assumersi gli oneri di una manutenzione specifica finalizzata al massimo rendimento del mezzo nel tempo. Sono nati così piani d’offerta d’auto usate con garanzia, manutenzione, assicurazione e, molto spesso, finanziamenti dedicati all’acquisto.

Dal punto di vista politico, le novità previste dall’attuale governo incideranno soprattutto sul mercato delle immatricolazioni: il Ministero dei Trasporti ha pensato d’inserire nella Legge di Bilancio 2019, sottoscritta e approvata nel dicembre 2018, delle novità in ottica ambientale, a giusta tutela del pianeta e coerentemente alle politiche socio-economiche globali (pensiamo al protocollo di Kyoto).

L’ecobonus è uno strumento attuato per incentivare il rinnovo del parco macchine italiano, svecchiando e promuovendo le auto meno inquinanti e più amiche dell’ambiente. La legge ha suddiviso le auto in due grandi macro-categorie in base alle emissioni di CO2, il biossido di carbonio (comunemente detto anidride carbonica), prevedendo una diversa cifra a titolo di bonus:

  • Fino a 20 g/km CO2. Ecobonus di 4.000€;
  • Da 21 a 70 g/km CO2. Ecobonus di 1.500€.

In pratica, acquistando un’auto che emetta fino a 20 grammi di anidride carbonica ogni km percorso, lo Stato pagherà, al posto nostro, ben 4.000€ alla concessionaria, mentre nel caso di auto inquinante, fino a 70 grammi, il bonus sarà di 1.500€.

Non solo, se da una parte l’Italia sovvenzionerà questo rinnovo, dall’altra disincentiverà l’acquisto di auto maggiormente inquinanti, gravando sul prezzo di listino della nuova macchina acquistata con un’ecotassa da 1.100€ a 2.500€ sempre in funzione del livello delle emissioni.

Oltre queste soluzioni, con lo stesso obiettivo incentivante, abbiamo la cosiddetta rottamazione: nel caso decidessimo di rottamare la nostra cara e vecchia auto usata appartenente alle categorie Euro 1, 2, 3 o 4 (secondo classi definite in base a direttive europee) e acquistarne una nuova, l’ecobonus aumenterà in modo consistente. 6.000€ di bonus per l’acquisto di un’auto con emissioni fino a 20 g/km e 2.500€ per chi, invece, acquisirà la proprietà di un mezzo appartenente alla seconda classe (tra i 21 e i 70 g/km di CO2).

L’Automobile Club Italia (ACI) aveva proposto una misura particolarmente interessante, denominata “usato su usato”: l’incentivo era inteso a smuovere il parco macchine delle auto di seconda mano (privati compresi), con il fine di ridurre i veicoli circolanti particolarmente inquinanti e per ridurre il numero di auto vetuste presenti sulle nostre strade, caratteristica negativa che incide sulla sicurezza generale di tutti. Purtroppo la proposta è rimasta una voce inascoltata e gli interventi emanati dal Governo in Finanziaria, vertono solo sulle prime immatricolazioni, le auto nuove.

 

Finanziamenti Auto Usate

Compass

Il finanziamento per l’acquisto di un’auto, sia essa nuova oppure usata, dipende principalmente dalla somma richiesta e dalla capacità di estinzione, secondo le esigenze personali del cliente. Purtroppo, acquistando un’auto usata da una concessionaria o da un privato non è di solito possibile ottenere grandi sconti o usufruire di particolari condizioni e incentivi, come abbiamo visto dalla descrizione precedente inerente alle nuove misure statali sull’ecobonus e la rottamazione del 2019. Nonostante questo, soprattutto quando riguarda una trattativa tra privati, l’acquisto di un’auto usata può comunque essere oggetto di discussione sul prezzo e sulle condizioni, ma le garanzie saranno molto minori, perché il privato non è un soggetto istituzionale e la sua responsabilità finisce all’atto notarile di compravendita.

Compass, l’istituto finanziario rinomato e conosciuto anche grazie alla campagna mediatica pubblicitaria e lo slogan “Più prestito di così!” affermata dal noto attore Nino Frassica, predispone diversi prodotti finanziari per l’acquisto di auto usate; basterà recarsi presso uno dei 50.000 rivenditori commerciali convenzionati, tra i quali ci sono anche le concessionarie auto e si potrà richiedere un prestito finalizzato all’acquisto. L’importo finanziabile sarà pari al prezzo pattuito con il concessionario, al quale andranno sottratti eventuali anticipi e saldi concordati.

Se il concessionario non sarà convenzionato con Compass, potremo utilizzare lo strumento del prestito personale, non finalizzato: le condizioni sui tassi non saranno altrettanto vantaggiose, ma avremo la facoltà di richiedere una somma anche più alta di quella necessaria all’acquisto dell’auto usata. Il denaro arriverà direttamente sul nostro conto corrente e avremo a disposizione le somme necessarie per provvedere a tutte le nostre spese, acquisto dell’auto compreso. Grazie al prestito personale non ci saranno limiti e vincoli all’utilizzo; una volta ottenuto il denaro, dovremo solo sottostare al piano di rimborso sottoscritto e non ci sarà richiesta alcuna documentazione sulle spese effettuate con questo.

Compass propone sul suo sito diverse soluzioni per quanto concerne il prestito personale:

  • Ottimo. Richiedibile dai residenti italiani con età compresa tra 18 e 75 anni compiuti (al termine del piano di ammortamento) e un importo massimo di 30.000€. Versione standard con durata e interesse costante.
  • Jump. Prestiti sempre fino a 30.000€ con la possibilità di saltare una rata una volta l’anno, per un totale massimo di 5 volte senza alcun onere aggiuntivo. La somma non pagata graverà sulla scadenza finale del rimborso.
  • Total Flex. Oltre la possibilità di saltare una rata una volta l’anno, è possibile anche diminuire l’importo di una scadenza allungando il piano di rimborso senza alcun costo aggiuntivo. Anche l’eventuale estinzione anticipata del prestito è completamente gratuita e i tempi di erogazione del denaro, previo controllo formale, sono molto rapidi.
  • Cifra Tonda. L’importo massimo finanziabile è, in questo caso, di 20.000€ da estinguere mediante rate chiare e costanti a cifra tonda, senza decimali. Le combinazioni possibili sono molteplici.

Compass consente quindi l’acquisto di un’auto usata per mezzo dei suoi prestiti, siano essi personali o finalizzati; sul portale web, all’indirizzo www.compass.it , potremo analizzare le caratteristiche e i requisiti dei vari prodotti finanziari, usufruendo anche di uno strumento particolarmente efficace e interessante: il simulatore on line. Grazie a questo, visioneremo a schermo i diversi e ipotetici piani di rientro in base alla somma di denaro da noi desiderata, semplicemente inserendo finalità, cifra e rata, scorrendo sulla barra tra i due antipodi.

Se, ad esempio, chiediamo 15.000€ per l’acquisto di un’automobile usata, pagando una modica rata di 265€ tonda, dovremmo sobbarcarci tra le 68 e le 82 scadenze, ad un TAN da 5,90% a 10,90% e un TAEG da 6,87% a 12.22%. I tassi e le durate sono espressi in una forbice, anche molto ampia, perché ci sarà una fase in cui la Compass valuterà al meglio le nostre prerogative e disporrà di un piano elaborato ad hoc, in base a valutazioni di merito e fiduciarie. Pagando, invece, una rata da 710€, a fronte di 15.000€ richiesti, il simulatore ci dice che il numero di scadenze sarà di soli 24 mesi a un TAN compreso tra 5.90% e 10,90% e un TAEG tra 7,91% e 13.42%. Il prestito è richiedibile on line, oppure recandosi presso una filiale Compass fissando un appuntamento anche sul portale web in una delle oltre 180 filiali sparse sul territorio italiano; in caso di esito positivo, la somma finanziata ci sarà accreditata sul conto corrente indicato in sole 24 ore.

 

Agos

Grazie ad Agos, l’altro grande istituto finanziario presente in Italia, sarà possibile ottenere un finanziamento auto usata pianificando la spesa totale e dilazionando nel tempo il rimborso, senza gravare ulteriormente sul budget familiare. Grazie al prestito finalizzato Agos non potremo finanziare solo il prezzo per l’acquisto, ma anche i costi annessi, il bollo, il passaggio di proprietà, l’assicurazione e gli eventuali oneri accessori (anche i costi d’immatricolazione nel caso il veicolo sia nuovo). L’importo massimo finanziabile corrisponde a 30.000€ da utilizzare a copertura di tutti questi costi e sarà erogato al finanziato entro sole 48 ore, previo controllo formale e di fattibilità creditizia sul richiedente da parte di Agos Ducato S.p.a. e approvazione dell’istanza.

Sul sito dell’azienda Agos Ducato, all’indirizzo www.agos.it , è presente un simulatore on line che consente di poter accertarsi della fattibilità economica di una eventuale richiesta di prestito, al fine di comparare le diverse soluzioni possibili all’interno dell’offerta merceologica di Agos interna e con le altre compagini finanziarie. Per un importo di 15.000€, avremo queste possibili scelte, grazie ad Agos:

  • 12 Rate da 1.323,20€, TAN 6,91% e TAEG 11,71%;
  • 24 Rate da 684,40€, TAN 6,91% e TAEG 9,69%;
  • 36 Rate da 471,80€, TAN 6,92% e TAEG 8,98%;
  • 48 Rate da 365,70€, TAN 6,91% e TAEG 8,61%;
  • 60 Rate da 302,30€, TAN 6,91% e TAEG 8,40%;
  • 72 Rate da 260,20€, TAN 6,92% e TAEG 8,25%;
  • 84 Rate da 230,20€, TAN 6,91% e TAEG 8,13%;
  • 96 Rate da 207,90€, TAN 6,91% e TAEG 8,05%;
  • 108 Rate da 190,60€, TAN 6,91% e TAEG 7,98%;
  • 120 Rate da 176,90€, TAN 6,91% e TAEG 7,93%.

Sarà possibile richiedere un prestito presso una delle tante filiali Agos, recandosi direttamente nelle sedi indicate sul portale web (oltre 200 presenti nella ricerca direttamente sul sito), oppure compilando il form on line, 24/7 da computer, smartphone o altri devices, ovvero chiamando il numero verde 800.134.860 disponibile dal lunedì al venerdì (8.30 alle 21) e il sabato (8.30 alle 17.30).

La nuova gamma di prestiti personali denominati Duttilio, è un nuovissimo prodotto strutturato da Agos che consente numerosi benefici ed è improntato sulle esigenze dei clienti finali, al fine di agevolarne l’accesso al credito e lo svolgimento della gestione di tutto. Grazie a Duttilio, sarà possibile:

  • Saltare la rata. Potremo chiedere di posticipare il rimborso di una rata, dopo aver pagato correttamente le prime 3. La prima posticipabile sarà quella del settimo pagamento; la richiesta dovrà necessariamente pervenire ad Agos almeno 15 giorni prima della scadenza e tra due richieste dovranno passare almeno 6 mesi. Potremo avvalerci di questa possibilità una sola volta l’anno e in misura massima di 3 per l’intera durata.
  • Modifica Rata. Avremo la facoltà di diminuire o aumentare l’importo di una rata secondo le nostre disponibilità. Anche in questo caso la prima rata passibile di quest’opzione sarà la settima, fruibile solo dopo aver corrisposto almeno 3 scadenze. La richiesta andrà, in questo caso, inviata almeno 40 giorni prima della scadenza relativa; la modifica è possibile solo una volta l’anno per un massimo di 3 volte totali e distanza tra una richiesta e l’altra di almeno 6 mesi.
  • Massima Flessibilità. Oltre le opzioni già descritte, Duttilio permetterà di scegliere una nuova data di scadenza della rata tra diverse opportunità messe a disposizione, al fine di permettere il corretto pagamento e gestire eventuali imprevisti.

Per avere maggiori informazioni su questo nuovo strumento chiamato Duttilio, consigliamo di recarsi in filiale o contattare Agos tramite i diversi canali descritti in precedenza.

 

Findomestic

Dopo aver vagliato le soluzioni sul mercato rese disponibili dai due grandi colossi del credito, non possiamo esimerci dal considerare l’altro grande istituto finanziario presente in Italia: Findomestic. Grazie al suo prestito Auto, Findomestic consente l’acquisto di un’automobile di qualsiasi marca e cilindrata, sia essa nuova, usata o a chilometri zero (Km 0) pagandola in comode rate. Sarà possibile richiedere un prestito fino a 60.000€ finanziando totalmente il progetto di spesa, compreso il passaggio di proprietà, il bollo e l’assicurazione.

Potremo richiedere questo prestito personale per pagare l’auto usata da noi desiderata a un privato o a una concessionaria, se avremo un reddito dimostrabile, la residenza sul territorio italiano, l’età compresa tra i 18 e i 75 anni compiuti alla scadenza del prestito e la titolarità di un conto corrente sul quale convergeranno i soldi in accredito e dopo in addebito, aperto presso qualsiasi istituto bancario.  Dopo aver rimborsato almeno 6 rate, potremo avvalerci di due diverse opzioni disponibili per i prestiti personali Findomestic:

  • Cambio Rata. Grazie a quest’opzione, potremo cambiare l’importo di una rata, non indiscriminatamente, ma tra due valori (Rata alta e bassa) sottoscritti alla stipula del contratto. All’aumentare dell’importo diminuirà la durata, viceversa si allungherà. E’ possibile modificare la rata ogni mese, non contemporaneamente con l’altra opzione.
  • Salto Rata. Fino a un massimo di 3 volte totali potremo saltare il pagamento di una scadenza gravando sulla rata finale, rispettando l’intervallo di tempo tra una richiesta e l’altra scritto nel contratto.

Entrambe le modalità sono esercitabili direttamente sul portale web nella sezione clienti, oppure con un sms al numero 339-9941499 o presso un’agenzia.

Il prestito personale Findomestic è richiedibile direttamente sul portale on line, all’indirizzo www.findomestic.it, utilizzando la Firma Digitale, il protocollo predisposto dall’ente finanziario a tutela della corretta regolarità della sottoscrizione. La Firma è sicura, facile e gratuita. Insieme al prestito sarà possibile sottoscrivere un’assicurazione sul prestito e sul pagamento delle rate alle scadenze pattuite, in caso d’insolvenza per alcune cause e il Progetto Protetto Auto, una tutela sul bene oggetto di acquisto, contro la distruzione e il furto.

Sul sito della finanziaria è presente un simulatore che possiamo utilizzare per confrontare i tassi e la convenienza rispetto all’importo standard di 15.000€, non dimenticando che tutto può essere suscettibile di promozioni, negoziazioni personali e contestuali. Dopo aver selezionato la finalità del prestito, l’acquisto di un’auto usata dal menù a tendina e scritta la cifra, appariranno queste possibili scelte di piani d’estinzione:

  • 18 Rate da 873,60€, TAN 6,01% e TAEG 6,18%;
  • 24 Rate da 664,90€, TAN 6,01% e TAEG 6,18%;
  • 30 Rate da 539,80€, TAN 6,01% e TAEG 6,18%;
  • 36 Rate da 456,40€, TAN 6,01% e TAEG 6,17%;
  • 42 Rate da 397,00€, TAN 6,02% e TAEG 6,19%;
  • 48 Rate da 352,40€, TAN 6,01% e TAEG 6,18%;
  • 54 Rate da 317,80€, TAN 6,02% e TAEG 6,19%;
  • 60 Rate da 290,10€, TAN 6,01% e TAEG 6,18%;
  • 66 Rate da 274,60€, TAN 7,01% e TAEG 7,24%;
  • 72 Rate da 255,90€, TAN 7,02% e TAEG 7,25%;
  • 78 Rate da 240,00€, TAN 7,01% e TAEG 7,24%;
  • 84 Rate da 226,50€, TAN 7,01% e TAEG 7,24%;
  • 96 Rate da 204,60€, TAN 7,01% e TAEG 7,24%.

Appannaggio di chi decida di acquistare un veicolo elettrico o ibrido, nuovo o usato, è prevista una soluzione ben più performante, chiamata Rata Verde. Quest’offerta è ben più vantaggiosa rispetto al prestito personale standard, con la possibilità di usufruire del cambio e salto rata già descritti e senza costi accessori.  Rata Verde è il prestito pensato al fine di finanziare le spese che promuovono il risparmio energetico, l’energia rinnovabile e l’efficientamento della casa, grazie al quale si possono usufruire anche degli incentivi fiscali ed economici, Ecobonus compreso (sempre vincolato all’acquisto di auto nuove).

In promozione, l’acquisto di un’auto usata ibrida può essere restituito in 96 rate da 203,10€, TAN 6,81%, TAEG 7,02%;  rispetto all’offerta standard di 14.000€ a fronte di 96 rate a 191€ mensili, si può ottenere la Rata Verde di 189,60€. Un piccolo risparmio, grande se inteso come spalmato sull’intera durata.

Per richiedere un prestito a Findomestic, potremo utilizzare il portale web grazie al protocollo di firma digitale oppure andare in agenzia scoprendo sul sito quella prossima alla nostra posizione, ovvero chiamando il numero 848.844.999.

 

Poste Italiane

Anche Poste Italiane, attraverso le soluzioni Banco Posta, può erogare finanziamenti e permettere l’acquisto di un’auto usata a un’ipotetica persona. I due principali strumenti sono:

  • Prestito BancoPosta. Disponibile anche a chi non è titolare di un conto corrente Banco Posta, a partire da 3.000€ fino a 30.000€ con una durata del rimborso da 24 fino a 84 mesi.  E’ possibile richiedere questo prestito solo se si ha un documento reddituale comprovante un flusso certo di denaro e se si risiede in Italia.
  • Prestito BancoPosta Flessibile. Solo se si è titolare di un conto corrente BancoPosta, a partire da 3.000€ a 30.000€ e rimborso possibile a partire dai 36 ai 108 mesi. Si può usufruire del cambio o del salto rata in base a particolari vincoli e requisiti, ad esempio la non contemporaneità.

I prestiti BancoPosta possono essere richiesti solo presso un ufficio postale cercandolo tra quelli più vicini indicati sul portale www.poste.it e prenotando un appuntamento direttamente sul portale o chiamando il numero gratuito 800.00.33.22. Per ora non ci sono promozioni in essere da parte di Poste, ma nel futuro non si esclude la ripetizione di una promo in opera nel passato e legata proprio al prestito finalizzato l’acquisto di un’auto.

 

Senza Busta Paga

I requisiti per ottenere un prestito, sia esso finalizzato o meno, sono in generale sempre i medesimi, ovvero:

  • Residenza in Italia;
  • Età compresa tra i 18 e i 70-75 anni compiuti alla fine del piano di estinzione del prestito;
  • Documentazione comprovante un reddito dimostrabile.

I vari istituti finanziari, al fine di accertare l’identità e il possesso dei requisiti, anche attraverso un’analisi incrociata sui database accessibili dai loro terminali, richiedono in allegato alle domande altri tre documenti, la carta d’identità o altro documento simile, il codice fiscale e un documento di reddito. Proprio la lacuna riguardo all’assenza di questo documento può creare dei grattacapi ed essere ostativa al rilascio del prestito per l’acquisto di un’auto usata.

Un breve chiarimento si rende necessario: la busta paga è un prospetto analitico riportante diverse voci ed è rilasciato a tutti quei lavoratori soggetti a contratto di lavoro dipendente ogni mese a comprova del pagamento per le proprie prestazioni. Quando si parla di prestiti senza busta paga, bisogna distinguere dalla mera definizione in senso stretto che non annovera i pensionati con il cedolino pensionistico e i liberi professionisti con il loro modello Unico, da quella più ampia secondo la quale il soggetto non ha alcun documento reddituale a riprova di un’entrata consolidata mensile. Appartengono a quest’ultima categoria, ad esempio, i disoccupati, le casalinghe, i lavoratori in nero, irregolari, quelli atipici, gli studenti, etc., tutti coloro i quali non possiedono un reddito regolare: per questi, sarà molto difficile ottenere un prestito personale o finalizzato all’acquisto di un’auto usata, ma non impossibile.

Per ottenere il denaro necessario, bisognerà convincere l’istituto della bontà della propria posizione fiduciaria, dimostrando capacità di solvibilità delle rate alle scadenze previste; a tal fine sarà necessario presentare un’entrata economica sicura e continua, come ampiamente anticipato.  Se saremo titolari di un assegno di mantenimento da parte di un ex coniuge o un canone acquisito mensilmente per un immobile di nostra proprietà locato, ad esempio, potremo proporre queste garanzie alternative alla finanziaria, ma sarà molto difficile accedere al credito.

Avremo ben più possibilità proponendo un garante alternativo alla nostra persona che corrisponda ai criteri di affidabilità creditizia e solidità economiche sufficienti all’istituto erogante; questo garante s’impegnerà in solido a corrispondere le rate alle scadenze pattuite in caso di nostra insolvenza, senza avere la titolarità del credito. Si tratta, solitamente, di persone molto vicine al finanziato, proprio per la natura stessa del rapporto di fiducia che deve esserci tra le parti.

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi